RIFLETTENDO

I rapporti fluidi. Lo scivolarsi dentro. Il piacersi. Il capirsi. Senza bisogno di giri di parole. Puntualizzazioni.
Prese di posizione.
Le spine mi stanno scomode. Vorrei solo farmele sfilare una ad una, spogliarmi dalle paure.
Farti entrare. Ricambiare.
Svuotare il fossato, abbassare il ponte levatoio. Mandare i coccodrilli alle terme, bruciare i paletti.
Farne un falò.
Presa. Arresa.
Con la paura? Certo. Il timore di quel che sarà. Solo gli stupidi non ne hanno. Ed io, stupida, non sono.
Non quello di conoscersi, annusarsi, magari, esageriamo, viversi.
Siamo tutti irrisolti come equazioni di terzo grado. La materia mi è ostica.
Io voglio solo una semplice addizione.
Tu+me=noi.
E vaffanculo al passato, vaffanculo al futuro.
Pure al presente.
Cogliere l’attimo, vivere giorno per giorno. Dirsi a domani.
Esserci.
Tutto troppo complicato.
Alice è semplice. Non sempliciotta.
Pura ma non ingenua.
Romantica e disincantata.
Un totale casino.
Basta trovare il bandolo della matassa.
O fottersene, e buttarla via.
Ne fileremo una nuova.
Tabula rasa.
Carta bianca.
Io ricomincio da qui.
E tu?
Tu… Ci sei o ci fai?

specchiomicio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...